Un po’ di storia…

Santo Stino di Livenza, in provincia di Venezia, siamo agli inizi degli anni ’80 ed in paese la crescente presenza di motociclisti stimolò un nutrito gruppo di appassionati a fondare il Motoclub, fu presentato al paese, in una piazza gremita di curiosi, il 2 ottobre 1982 alla presenza del Sindaco Rigato. Con la presidenza di Gino Zago nel gennaio del 1983 fu programmato il primo ed impegnativo raduno: il mitico Elefantentreffen di Salisburgo in Austria. Il Motoclub “Speedy” entrò a far parte dell’organizzazione di questo grande evento, come “unico Motoclub Italiano”, per assistere le migliaia di italiani che da temerari sfidavano i rigori invernali austriaci per partecipare a questo spettacolare raduno che contò la partecipazione di 15 mila moto.
Con la presenza di Maurizio Bigotto si organizzarono successivamente tre edizioni di Motoraid della Livenza che, partendo da Santo Stino, giro di boa a Motta di Livenza si arrivava alla splendida spiaggia di Carole: in questa occasione si videro le iscrizioni di piloti di fama mondiale . Oltre a queste gare, si organizzarono anche diversi raduni di moto d’epoca e gimkane.
Nel 1993 il Motoclub vide nascere, per volontà del compianto Pietro Geretto, una pista di Motocross permanente, dove si svolsero gare a livello interregionale e spesso si ospitarono piloti stranieri per sessioni di allenamento con team di livello mondiale . Da questa pista, che ha visto calcare il suo tracciato da generazioni di piloti del veneto e del vicino Friuli Venezia Giulia, è nato (motociclisticamente) Pierfilippo Bertuzzo pilota caorlense, da sempre portacolori del motoclub “Speedy”, ha raggiunto traguardi di tutto rispetto, vincendo il Campionato Italiano junior 125 nel 2006, partecipando al Campionato Mondiale MX2 nel 2007 con il team S.R.S., e attualmente partecipa al Campionato Mondiale MX1 in sella ad una Honda del Team Massignani.
Numerosi sono i piloti che, a livello amatoriale, portano i colori del Motoclub Speedy, in questi ultimi anni c’è stato un notevole incremento di iscritti specialmente nei giovanissimi, questa è sicuramente una garanzia per il futuro del Motoclub e della pista. A tal proposito il Motoculb ha voluto rendere un giusto riconoscimento a Daniele Antonini che con dedizione e grande spirito di sacrificio ha curato e a tutt’oggi cura nei minimi dettagli la pista. Lo scorso anno è stata rinnovata l’omologazione della pista dagli Organi Federali F.MI. fino al 2012.
Dopo la conclusione dei lavori per la realizzazione di una struttura fissa con uffici per la direzione di gara, spogliatoi, docce, bagni, servizi igienici e magazzini . E’ intenzione in un futuro assai prossimo, un progetto per l’ampliamento della zona paddock.
Il Motoclub si stà organizzando anche per dare spazio alle nuove specialità super motard, pitbike e quad. In questi ultimi anni il Motoclub ha continuato la sua attività nel settore moto d’epoca organizzando e partecipando a motoraduni in Italia e all’estero. Numerosi motociclisti hanno partecipato a motoraduni nazionali ed esteri ottenendo risultati lusinghieri, stimolando così i giovani ad unirsi con i più “vecchi” per condividere questa passione che non ha età…

Print Friendly
WP-Backgrounds by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann